Androgino

Come sapete il mio Amico MadGrin adora viaggiare e questa estate si è concesso una lunga vacanza in Sud America con tappa finale di una settimana a Washington. Due anni fa dall’America (dove era stato in vacanza) mi feci portare un bellissimo iPhone 3G.
Secondo voi quest’anno lo potevo far tornare dagli States a mani vuote?
NO! Certo che non potevo!
E quindi mi sono fatto comprare un bellissimo Tablet SAMSUNG Galaxy Tab 10.1 WiFi.

Però…. care mi costano queste sue vacanze!!!

Bed & Breakfast a Roma

Tempo fa un mio amico mi aveva chiesto se conoscessi qualche Bed & Breakfast a Roma, in particolare nella zona Roma Sud.

Purtroppo non sapevo come aiutarlo, allora ho deciso di informarmi un po’ in giro per creare un elenco di Bed & Breakfast presenti a Roma e dintorni.

La situazione B&B varia con una certa dinamicità, quindi questo elenco è soggeto a revisione continua.

Mountain Bike in Umbria

Bike in UmbriaDopo la guida con gli itinerari in BDC per girare l’Umbria, adesso hanno messo a disposizione una guida con itinerari da percorrere in Mountain Bike.

La filosofia è la stessa dell’altra guida: 22 itinerari divisi per livello di difficoltà, corredati di roadbook, planimetria, altimetria e tracciato GPS.

Anche in questo caso è possibile richiedere una copia della guida che vi verrà recapitata direttamente a casa.

Immersioni in Sardegna

Resoconto di un’immersione alla scoperta delle grotte subacquee nei pressi di AlgheroW

Ci troviamo nel nord ovest della Sardegna, precisamente  ad Alghero, nelle acque dell’ Area Marina Protetta di Capo CacciaW – Isola Piana, meta fissa per gli appassionati di subacquea, ma soprattutto per chi non si accontenta della solita immersione in acque libere, ma vuole visitare le grotte subacquee.

In questa zona, infatti, pare ci sia la più alta concentrazione di grotte sommerse del Mediterraneo.

Noi andremo a visitare la “GROTTA DI AMPHITRITE”… Continua

Leggi il resto dell’articolo sull’immersione

_____

Bike in Umbria

Bike in UmbriaVi consiglio questo sito di itinerari cicloturistici in Umbria Bike in Umbria

In questo sito vengono proposti 30 itinerari (suddivisi per livello di difficoltà in facile, medio e difficile) corredati di planimetria, altimetria, roadbook, traccia GPS, scheda dettagliata, foto ed indicazioni turistiche.

Inoltre vengono indicati anche dei link e recapiti di centri assistenza specializzati

Per chi volesse è anche possibile registrarsi presso il seguente link per ricevere gratuitamente la guida a casa.

Val Senales 2/3

 

Venerdi 13: 2 tappa – (Plan – Rofen – 58 km 2300m di dislivello) Si sconfina!

Ricca colazione e verso le 9:00 dopo il solito rifornimento di acqua si parte in discesa alla volta di Moso in Passiria (1007m) imboccando la sp114 (in realtà dopo 2km proviamo a prendere un sentiero sulla sponda sinistra del Rio di Plan, ma dopo pochi metri di fango misto a cacca il sentiero finisce davanti ad un campo recintato).

Proseguiamo per un altro km, in prossimità di una pista di slittino, giriamo a sinistra e prendiamo la sterrata che costeggia la pista: stessa pendenza e stesse curve.

Passiamo un ponte per portarci sulla sponda sinistra e tramite sterrata e sentierini (sentiero 8 ) scendiamo a Moso: il single track nell’erba nasconde delle insidie, non si vedono delle buche e dei sassi ed io ne approfitto per prendere confidenza con il terreno… assaggiandolo un paio di volte.

Da Moso si sale tramite il sentiero ciclabile E5. Dopo un primo tratto pedalato una deviazione (causa lavori!) ci costringe ad arrampicarci su una ripida salita spingendo la bicicletta a mano. Si ricomincia a pedalare e si sbuca nuovamente su asfalto (SP112).

Superata Corvara in Passiria (1419m) si riprende la sterrata (E5) pedalabile fino al superamento di un ponticello. Qui pedalare diventa impossibile e cominciamo ad arrampicarci spingendo la bici a mano.

Si arriva nuovamente su asfalto (SS44BIS) la micidiale salita che porta a Passo Rombo (2509m) ma prima ci fermiamo in un bar per mangiare una cosa (un panino, cocacola e acqua minerale) mentre mangiamo dalla terrazza dominiamo tutta la vallata.

La salita è dura e impegantiva… ma è uno spettacolo e si gode un bel panorama; la mia front e le mie doti di scalatore rendono la salita relativamente tranquilla… Dopo l’incontro con harleysti tedeschi cominciamo a percorrere le gelide gallerie che ci portano a Passo Rombo.

Finalmente si mangia! “spaghetti alla bolognese” ed una fresca radler; ora si ricomincia a ragionare…

Dopo aver scambiato quattro chiacchiere con amici “bitumari” conosciuti sul posto cominciamo ad “imbracarci” per la discesa: ci buttiamo sul versante austriaco tramite il sentiero E5.

Il primo tratto è ripido e sconnesso, alterno tratti a piedi con tratti in bicicletta. Rischio di cadere un paio di volte, la ruota anteriore si impunta, riesco a poggiare i piedi a terra, la ruota posteriore si solleva e casca lateralmente battendo con violenza sulla roccia e si sgancia: cerchio e disco storti! comunque gira perciò la lascio così e riparto.

Il sentiero incrocia la strada asfaltata per continuare sull’altro lato. Ci troviamo su un tratto praticamente pianeggiante ma comunque sconnesso e quindi pedalare richiede un certo impegno. Incrociamo nuovamente la strada per passare sul lato opposto.

Dopo un po’ si ricomincia a scendere (direzione Zwieselstein 1450m); Lobo affronta un tratto erboso che nasconde molte inside: la bicicletta si impunta e casca in avanti battendo con il manubrio sul petto. Una bella botta! tanta paura ma per fortuna niente conseguenze gravi.

Da Zwieselstein ricominciamo a salire in direzione di Vent (1900m) prima tramite il sentiero 41 (una sterrata molto larga) poi tramite un ponticello attraversiamo il Venter Ache e proseguiamo su asfalto superando alcuni tunnel.

Arriviamo a Vent distrutti, siamo a secco e troviamo ristoro presso una fontanella prima di ripartire in salita per affrontare gli ultimi 2km (100m di dislivello) che ci porteranno a Rofen (2014m). Arriviamo che sono quasi le 20:00 il tempo di docciarci e di corsa a cena dove ci aspetta un bel…. brodo di cipolle!!!

L’albergo dispone di una connessione internet e ne approfittiamo per ripristinare i contatti con i nostri amici a Roma e li aggiorniamo sull’evolversi della nostra spedizione.

 

 

 

…to be continued…

Val Senales 1/3

Prologo
I primi di maggio ricevo una mail dal presidente “ilbaronerosso” oggetto: Val Senales.
Si sta organizzando un tour di tre giorni in bike in Val Senales e partono le mail di convocazione.
In un primo tempo mi faccio prendere dall’entusiasmo: “che bello! non ci sono mai stato… mi piace la montagna e pedalare in salita; potrebbe essere una bella idea, però… ma ndo’ sta sta Val Senales???? boh!” non lo sapevo mica!
“Poi non so se c’ho le ferie…. boh non lo so mica…. vabbè ti farò sapere….” e tutto finisce lì.
Verso fine maggio mi arriva un SMS dalla Boemia: è la “Manza” che mi avverte che non potrà andare in Val Senales e mi chiede se sono disponibile ad andare al posto loro o se devono disdire le camere prenotate: accetto (anche se non so ancora la disponibilità delle ferie).
Pochi giorni prima di partire mi chiama ilbaronerosso e gli confermo che ci sarò!

Martedi 10 ore 16:00 ilbaronerosso passa a casa mia per ritirare la mia bici: la mattina successiva si parte, cominciamo a caricare i bagagli
Mercoledi 11: si parte! dopo un lungo viaggio arriviamo a Madonna di Senales nel pomeriggio: il tempo di cambiarci e ci tuffiamo in piscina! Dopo cena usciamo per un giro di perlustrazione della zona.

Giovedi 12: 1 tappa – (Madonna di Senales – Plan – 36 Km 1700m di dislivello) finalmente si pedala!

Dopo una ricca colazione ci prepariamo ed alle 8:30 siamo pronti. Siamo un po’ timorosi…. il termometro segna 10 gradi, nei giorni precedenti è nevicato: le previsioni comunque sono buone.
Rifornimento d’acqua alla fontana scoperta la sera prima e ci dirigiamo su asfalto in discesa verso Certosa, il freddo si fa un po’ sentire.
Dopo 6 km di discesa prendiamo una rampa in asfalto sulla sinistra (pendenza 20%) che in 5,5 km ci porta a Casera di Fuori (1954m); il freddo non lo sentiamo più e cominciamo a spogliarci. Fabio comincia a dare i primi segni di cedimento: il poco allenamento in salita si fa sentire!
Comincia lo sterrato che ci porterà a Passo Gelato (2895m). Poco dopo Lobo buca: una canalina di metallo gli taglia il copertone e fora la camera d’aria. Ci fermiamo per la sostituzione della camera. Non abbiamo i tip top per copertone e Lobo sopperisce con una fascia in kevlar.
La salita si fa via via più impegnativa, ma più che la pendenza soffriamo il ‘suolo’, è troppo sconnesso ci sono troppi sassi ed è difficile pedalare: io alterno momenti a spinta a pedalate come vedo che la sterrata si fa più pedalabile. Ci mischiamo a biker tedeschi: una lunga processione di ciclisti, ora a piedi e ora pedalando, si snoda come un serpentone lungo gli ultimi tornanti.
In 5 km arriviamo a Passo Gelato; se prima pedalare era difficile adesso diventa impossibile, bisogna caricarsi le bici in spalla ed arrampicarsi sulle rocce. Io e il presidente ci facciamo un po’ di foto in attesa di Lobo.
Sai che c’è? fa freschetto, c’abbiamo fame…. raggiungiamo Carmine ed Elvis al Rifugio Petrarca, tanto Lobo sa dove trovarci.
Ci ricompattiamo, mangiamo (io un panino col formaggio, una coca e lo strudel), ma Fabio ancora non si vede…
Dopo un po’ riusciamo a metterci in contatto con lui col cellulare: ha mollato ed è tornato indietro.
Ci prepariamo per la discesa; io mi preoccupo: l’ultimo tratto di salita non mi era piaciuto tanto, chiedo informazioni sulla discesa verso Plan (1622m); sarà uguale? “Magari!” mi rispondono.
Indossiamo le protezione a braccia e gambe e cominciamo la discesa (io ho delle misere conchigliette per i “rollerblade”; non molto, ma comunque si riveleranno utili, così come lo sono state in passato in altre circostanze).
Ci domandiamo come facciano i biker tedeschi senza protezione a scendere per quella discesa. La risposta arriva presto; infatti dopo due tornanti li troviamo tutti lì che procedono a piedi!
Noi siamo un po’ più “sboroni” e andiamo giù più tranquilli. Io ho un po’ di esitazioni, la mia bici non è molto adatta a quei tipi di percorsi, e qualche scivolatina me la concedo. Gli altri vanno giù più tranquilli anche se alcuni tratti tocca farseli a piedi.
Gli ostacoli più rognosi sono le canaline: lastre di pietra messe in verticale per consentire lo scolo dell’acqua. Nessun problema se non fosse per il fatto che si trovano sempre dietro i tornanti: si arriva troppo piano e non c’è molta inerzia per superarli e poi tendono a buttarci verso l’esterno non consentendoci di chiudere bene le curve.
Man mano che si scende le canaline diventano sempre più alte e ci costringono in continuazione ad alzare l’anteriore. Io mi guardo sotto: quanto vorrei avere in mezzo alle gambe 20 cm di…. escursione; la mia è una forcella da XC.
6 Km di discesa impegnativa che ci portano ad un rifugio (1860m); i miei quattro compagni di avventura si ristorano con qualcosa, io me ne resto in disparte, un po’ provato e tra me e me penso…. “MINGHIA!!! ma chi me l’ha fatto fa’!”
La discesa adesso e tranquilla in poco più di 4 km arriviamo a Plan; trovato l’albergo ci diamo una sistemata e ci spariamo sauna ed idromassaggio e poi di corsa a cena (la servono alle 18:30!)

…to be continued…